L'Allevamento amatoriale Dogo Argentino FANTASTC ARMADA ha ottenuto il riconoscimento dall'ENCI/FCI col nuovo Affisso "DEL GRINGO BRAVO".
Selezione del Dogo Argentino con particolare attenzione alla salute, tipicità e carattere. Per informazioni: info@dogoargentinodelgringobravo.it
Educazione e Carattere del Dogo Argentino
 
EDUCAZIONE E CARATTERE DEL DOGO ARGENTINO

Prima di acquistare il mio primo

Dogo Argentino

ho frequentato un corso per diventare educatore cinofilo, durato circa un anno e mezzo, presso uno dei più preparati rieducatori del comportamento in Italia
(Moreno Sartori), seguito da un periodo di formazione pratica, con dei clienti all’interno del campo
di educazione cinofila.
Questo mi ha permesso di capire i comportamenti dei miei cani e mi ha aiutato a crescere dei soggetti equilibrati e socializzati. In questa sezione offrirò quanto ho appreso, basandomi anche sull'esperienza personale, ma mi limiterò a dare alcuni consigli di carattere generale. Per maggiori informazioni scrivete o chiamate tramite i recapiti che troverete nella pagina “CONTATTI”.

Prima regola, banale, ma poi non tanto: non trattare il cane come se fosse un bambino.
Questo significa che non dovremmo mai … quasi mai… rivolgerci a lui con un tono di voce mellifluo e stupido.
La voce ha un ruolo importante nella comunicazione col proprio cane e bisogna imparare a gestire la tonalità e il volume in modo da comunicare con lui in modo appropriato. Ricordarsi inoltre che il cane comunica molto di più con il corpo che con i vocalizzi. Se noi al contrario utilizzeremo sempre la voce, per di più inflazionando il suo nome o i comandi (seduto, terra, resta, lasca, piede…), e utilizzeremo un tono errato, avremo un cane che non eseguirà quello che gli verrà chiesto e che cercherà sempre un contatto “vocale”. Niente di più stressante avere un cane abbaione e che non ascolta il proprietario!!
Sempre tenendo presente che il cane non è un bambino, dovremo evitare di viziarlo.
Per “cane viziato” intendo un cane a cui viene concessa una risorsa, ogni qualvolta venga richiesta.
Ciò vuol dire che il nostro cane potrà stare sul divano o sul letto, potrà mangiare prima di noi o con noi, potrà usufruire dei più svariati giochi. Tutto questo però solo se e quando noi decideremo che potrà farlo.

Seconda regola: cercare fin da subito di far socializzare il cucciolo con il maggior numero di persone e animali. Un cane timido o peggio ancora timoroso, arriverà a mordere se costretto e senza via di fuga (cane al guinzaglio). Se poi a mordere è un cane da presa come il Dogo Argentino… per fortuna il

Dogo Argentino

non è per natura, un cane timoroso. Però potrebbe diventarlo se non “esposto” alle più svariate situazioni: passeggiata in centro, bambini che corrono, persone con l’ombrello, col cappello, persone di colore, motorini e macchine, ecc ecc.

Terza regola, specifica per il Dogo Argentino e per razze simili: usare sempre coerenza e fermezza. Premiare un comportamento desiderato e punire quello sbagliato e viceversa. Usare la punizione fisica solo se strettamente necessario, per interrompere un azione che potrebbe essere pericolosa per la salute del cane o degli altri (cane che morde il cavo delle corrente o che scappa in mezzo alla strada).
Lo scontro fisico infatti potrebbe far perdere nei vostri confronti la fiducia necessaria per poter vivere il proprio cane nella maniera più serena. Il Dogo infatti è un cane molto sensibile.

Per concludere questa sezione, inserisco qui di seguito il testo scritto ma Moreno Sartori sul primo numero del Bollettino di Informazione Dogo Argentino Club Italia del 2008.

IL DOGO ARGENTINO CUCCIOLO
(a cura di Moreno Sartori, Rieducatore del comportamento del cane)

Uno sguardo d’insieme alle caratteristiche principali di questo splendido, anche se non semplicissimo cane, pone obbligatoriamente il passaggio dalle sue origini storiche. È innanzitutto necessario considerare le razze che hanno concorso all’affermazione di quello che solo nel 1973 fu riconosciuto come

Dogo Argentino

.
Grazie alla selezione operata dal Dott. Antonio Nores Martinez, che impiegò Mastini, Bulldog e Bull terrier, incrociandoli con il Cane da combattimento di Cordoba, furono delineati i tratti principali di questa razza. Parliamo sicuramente di razze con un temperamento da non sottovalutare, la loro capacità di risposta agli stimoli è sicuramente elevata, in particolar modo se lo stimolo è un altro cane! Un aspetto sicuramente positivo risiede nel fatto che trattandosi di molossoidi, la loro maturazione tende ad essere un po’ più lenta della media, vedremo in seguito come questo aspetto può giocare a favore del proprietario.
La propensione genetica, da parte di queste razze, ad essere scarsamente arrendevoli riguardo il confronto fisico con altri cani, fanno del Dogo Argentino un cane non propriamente adatto a tutti.
Nel suo splendido rapporto con l’essere umano, con il quale riesce ad istaurare rapporti ottimi, se adeguatamente “educato”, risiede l’indole piuttosto pacata tipica del molossoide. Resta però altrettanto evidenteche essendo stato in passato impiegato nei combattimenti tra cani, le femmine ed in modo particolare i maschi, tendono a non essere tolleranti nei confronti di soggetti che non si mostrano da subito amichevoli.
La scelta del cucciolo dovrà pertanto essere attenta, i pochi soggetti che fin dai 30-40 gg. si mostrano inclini a pratiche di pesante gioco fisico con i fratellini, necessiteranno di una più attenta gestione durante la crescita, andranno per esempio messi a contatto con soggetti equilibrati, adulti o adolescenti, che ne limitino l’”esuberanza”. Questo tenderà a farne buoni cani adulti.

Per quanto riguarda l’aspetto relazionale con l’essere umano, la scelta dovrà ricadere su soggetti che manifestino la giusta curiosità per le persone, non essendo né troppo schivi né troppo interessati all’interazione. La troppa curiosità ed il poco rispetto durante le interazioni, spesso è sintomo di eccessiva confidenza, che in soldoni si traduce con comportamenti aberranti che poi andrebbero rapidamente corretti.
Ciò nonostante, da questo punto di vista, il

Dogo Argentino

racchiude in sé delle qualità degne di nota, risulta sviluppare infatti, come accennato, degli ottimi rapporti con l’essere umano. Tende inoltre ad avere rispetto totale per i bambini, risulta pertanto essere un buon cane da famiglia. Svolge infatti senza problemi il compito di guardiano unito al rispetto ed alla generosità nei confronti dei membri del gruppo famigliare.

Anche l’arrendevolezza, testata similmente a quanto effettuato nel test di Campbel, mantenendo saldamente ma con delicatezza con la mano il cucciolo in posizione supina, valutando se esso risulti da subito combattivo o arrendevole, porta alla comprensione, unitamente al tempo che impiegherà a raggiungere la situazione di resa, della capacità di tollerare le costrizioni.

Trascorsi i 70-75 gg. con fratelli e sorelle della cucciolata, sarà possibile inserirlo nel suo nuovo ambiente.
Da questo momento dovrebbe partire il percorso educativo del cucciolo, che dovrà essere mirato alla creazione del corretto rapporto tra cane e proprietario, inserendo da subito la corretta gestione di risorse, quali cibo, gioco, attenzioni, contatto fisico, etc.
Non è assolutamente da dimenticare che in base alla gestione dell’animale, qualsiasi cosa può divenire risorsa, pertanto degna di essere difesa, spesso anche con atteggiamenti aggressivi, non particolarmente spiccati in questa razza.. Certamente una buona partenza, appoggiandosi a professionisti competenti, stronca sul nascere ogni tipo di malinteso. Attendere i 6 mesi o l’anno di vita del soggetto, tende a far insorgere comportamenti che spesso andranno riveduti e corretti.
In ultima battuta, non certo per importanza, l’aspetto legato alle corrette fasi di socializzazione è da considerarsi di competenza sia del allevatore che del neo-proprietario, in entrambi i casi essi dovranno premurarsi di mettere il cucciolo nelle condizioni migliori, al fine di portarlo correttamente a conoscenza del mondo che lo circonda.

Rifacendomi a quando detto in apertura, trattandosi di cani con una maturazione piuttosto lenta, tali processi risultano un po’ più estendibili nel tempo, ma non per questo da considerarsi meno importanti od impellenti.
Fino intorno all’anno di vita, per i maschi, e sette/nove mesi, per le femmine, questa razzaresta ancora piuttosto malleabile. Si presta bene anche ad interventi “dell’ultimo minuto”, infatti con un corretto programma educativo personalizzato, tendono a comprendere rapidamente la strada da intraprendere per essere buoni compagni di vita.

Chiudo come spesso mi capita di fare, dicendo che è meglio prevenire che ...